Manchester in 3 giorni..

Ciao a tutti ragazzi! Oggi parliamo di Manchester, non posso fare a meno di scrivere e dirvi che mi sono ricreduta, avendola vista diverse volte e ho provato a guardare questa cittá con occhi diversi, devo dire che poi non é cosi tanto male..

Manchester è la seconda città più popolare del Regno Unito ed è famosa per essere il regno della musica britannica, per i suoi paesaggi storici, per l’arte e lo scenario culturale e per la passione che mette negli sport, celebre in tutto il mondo.

E8ADD1B7E42

Ci sono un sacco di cose da fare in questa città (anche se non sembra) ed è arrivato il momento di fare un giretto insieme a voi in centro e non solo…

Innanzitutto per girarla velocemente dovete acquistare una tessera per accedere ai mezzi di trasporto durante tutta la giornata. Potrete visitare la città dal centro fino a Bury, passando da Oldham, Rochdale e raggiungere persino l’aeroporto. (Se volete rimanere in centro ci sono i bus gratuiti 1, 2 e 3 che vi faranno fare il giro del centro cittá in bus)

Cattedrale di Manchester, questa chiesa della Diocesi Anglicana di Manchester si iniziò a costruire nel lontano 1400.

Mercato di Levenshulme, oltre 50 bancarelle di abiti vintage, manufatti, piante e oggettistica perfetta per souvenir e regali. Inoltre troverete concerti di musica dal vivo e dell’ottimo street food. Ogni domenica, da marzo a dicembre troverete questo mercatino pieno di gente e venditori.

Imperial War Museum, si tratta di uno dei più bei musei che abbia mai visto. Si trova a Salford e l’entrata è gratuita. E’ aperto tutti i giorni dalle 10 alle 17 e vi conviene considerare circa un paio d’ore per poterlo visitare a dovere. L‘Imperial War Museum è sia un’esposizione ben fatta di cimeli di guerra sia un racconto di come possa essere una guerra, é particolarmente toccante e significativo.

Andate a Salford, precisamente a Media City UK, uno di quei sobborghi di Manchester ormai inglobati a pieno diritto nella città. Se volete rendervi conto di cosa fosse Salford negli anni ’70, guardate un film spettacolare che si chiama East is East. Qui, infatti, si trovano la seconda parte più consistente degli studi della BBC e sempre qui si girano alcune delle fiction britanniche più famose. Media City UK è un paradiso per chi ama l’architettura contemporanea. Un paradiso per chi ama fare delle belle foto. Passeggiate col naso all’insù e godetevi questo quartiere riqualificato alla perfezione.

Passeggiate nella vera “Mancunian Chinatown Experience”, visitando questo quartiere di giorno troverete negozi di medicina cinese, casinò e un’infinità di supermercati cinesi.

Wilmslow Road, a Rusholme è la capitale della cucina piccante e degli abiti tipici indiani, i “sari”, a Manchester. E’ il luogo perfetto dove fumare narghilè e assaporare un piatto speziato con curry. Ci sono delle città come Manchester, Leicester e Leeds dove i primi ristoranti indiani sono stati aperti circa 100 anni fa.

Visitate l’elegante Biblioteca Centrale, la City Art Gallery, la Whitworth Art Gallery e la Cornerhouse, un complesso di tre cinema, oltre a teatri o qualsiasi centro artistico della città.

Fate un tour guidato nelle stanze principali di Town Hall e visitate la Torre dell’Orologio, architettura neogotica e una vista mozzafiato di Manchester!

Il posto ideale dove praticare jogging è Platt Fields Park, organizzate un  picnic, fate una partita a tennis, concedetevi un barbecue o fate semplicemente una passeggiata.

Visitate il Royal Exchange, è uno dei teatri più scenografici del Regno Unito ed offre spettacoli di alta qualità durante tutto l’anno..

E poi non mancano di certo negozi, ristoranti e pub da non perdere, ma ne parleró nel mio prossimo articolo! Seguitemi e condividete l’articolo!

Per la pizza migliore di Manchester vi consiglio Double 00.

 

 

 

 

 

La Mallorca che ho nel cuore..

Ciao ragazzi, voglio parlarvi di un’isola stupenda che in 3 anni mi ha cambiata, ha alterato il mio lato di vedere le cose, la prospettiva e l’intensità dei piccoli quotidiani dettagli.. ho amato tanto questa terra che non ha mai smesso di stupirmi ed è per questo che oggi scrivo a lei, la MIA Mallorca…

Arrivai da lei nel 2010, una settimana di vacanze e fu colpo di fulmine, me ne innamorai cosi tanto che decisi di trasferirmi (il primo dei miei viaggi a lungo termine) e cominciai a girare in lungo e in largo senza tralasciare un cm di questa terra..

Perché proprio Mallorca? è scontato dire che le spiagge sono paradisiache e che l’inverno dura poco, a livello culinario non hanno nulla da invidiare a noi italiani, è un’isola che offre un tenore di vita migliore rispetto all’Italia, molto più economica, affitti, spese alimentari, spese generali (auto, corsi serali e diurni, benzina e soprattutto la sanità), il centro storico è molto suggestivo, scorci meravigliosi e l’architettura lascia a bocca aperta. E’ un’isola attiva 365 giorni l’anno, vive di turismo ma nei mesi invernali ci sono miliardi di attività da scoprire.

Mallorca non è solo l’isola più grande e più vivace delle Baleari, ed è certamente mare e movida…ma non solo! E’ una terra tutta da esplorare: è ricca di cultura e tradizioni dal sapore mediterraneo ma dal carattere unico, circondate da un ambiente caldo e accogliente. Viaggiare a Mallorca è una continua scoperta che vi sorprenderà con aree naturali selvagge e luoghi tranquilli e rilassanti, apprezzati sempre di più dai viaggiatori, che ai divertimenti di Palma di Mallorca amano alternare immersioni nel blu del mare e nel verde della Sierra Tramuntana.

Le spiagge e le calette nascoste, la Sierra Tramuntana, la Riserva di Albufera, il faro di Cap de Formentor, Valdemossa, le coltivazioni di perle, le grotte del drago, palazzi signorili e casolari di campagna, queste sono un assaggio delle cose che ci sono da visitare in quest’isola. Grazie al suo clima mite e quasi sempre soleggiato è possibile visitare l’isola tutto l’anno, scegliendo il periodo in base ai propri interessi tra il divertimento sfrenato, il mare, la montagna e le tradizioni culturali e gastronomiche.

L’errore che spesso i turisti fanno nel visitare questa città: la maggior parte di loro sceglie la zona di Palma senza visitare il resto dell’isola e si limita a fare vita di mare. La parte migliore dell’isola, è completamente dall’altra parte e non ci sono solo le più belle spiagge, ma anche Paesini e mete poco turistiche da visitare. Non credete quindi a quelli che vi dicono che a Mallorca in una settimana si vede tutto quello che c’è da vedere: l’isola è abbastanza grande, io ho trascorso lì 3 anni della mia vita e le ho riempite tutte di attività, visite ed escursioni. Consiglio sempre di noleggiare la macchina, è indispensabile per muovervi in autonomia anche nelle zone meno battute. L’autostrada collega da un lato all’altro tutta l’isola, che si raggiunge in tre quarti d’ora circa.

Un altro aspetto da non trascurare e di forte attrazione per i turisti di tutto il mondo e non solo, è la cultura dell’isola. Dalla Cattedrale, ai piccoli villaggi medioevali disseminati per tutta l’isola a testimonianza del suo forte passato storico. Questa tradizione e autenticità si respira anche nei prodotti tipici dell’isola, come la famosa e gustosa sobrasada, il vino, l’olio e il formaggio di capra. Prodotti che potete facilmente trovare nei tantissimi mercati rionali, soprattutto durante il weekend.

Vi parlerò delle zone di Mallorca nei miei prossimi articoli, ve ne farò innamorare..